Nel corso dei millenni, alla furia distruttiva dell’Etna ha fatto riscontro la tenacia e la capacità delle popolazioni etnee, che hanno sempre ricostruito ciò che il Vulcano è andato via via distruggendo. E’ proprio dalle lave, che sono causa di rovina, si sono sapute ricavare non solo le materie prime per l’edilizia e la ricostruzione, ma anche delle opere d’arte e d’ingegno.

20140307_073904

Il basalto eruttato dall’Etna, infatti, è stato impiegato dalla capacità e dalla fantasia dell’artigianato locale a tutte le esigenze estetiche succedutesi nel corso dei millenni.La pietra lavica un materiale eterno, di una bellezza selvaggia e misteriosa, saldamente inserito nella tradizione artistica siciliana. La sua durata fa si che un pezzo si tramandi per generazioni senza perdere l'originario splendore.

20140305_080158
La storia ci ha consegnato molteplici testimonianze dell'uso della pietra lavica in costruzioni, fregi architettonici, pavimentazioni, arredo urbano e domestico sia in interni che all'aperto.
L'eccezionale resistenza agli urti ha consentito nei secoli di lastricare strade, piazze e marciapiedi. La sua lieve porosit la rende assolutamente sicura, in linea con i pi moderni standard antinfortunistici: infatti antisdrucciolevole.
Il colore grigio favorisce l'assorbimento dei raggi solari evitando cosi' fastidiosi effetti di rifrazione. Certamente compatibile con qualsiasi tipologia di centro storico, di sicuro impatto visivo.
Le più avanzate tecnologie permettono oggi una lavorazione della pietra lavica che la rende "plasmabile", in grado quindi di assumere le forme pi svariate, impreziosite dai disegni di maestri decoratori di Caltagirone.
La pietra che nasce dal fuoco diventa cosi', di volta in volta, pavimento, tavolo, camino, colonna, panca da giardino, fioriera.

free vector